mercoledì 16 ottobre 2019

Beauté volée

Australia could be the world’s largest LNG exporter for the next few years
Australia is forecast to edge past Qatar as the world’s largest LNG exporter (on an annual basis) when exports reach 78 million tonnes in 2019, and extend its lead in 2020 as exports climb to 81 million tonnes. However, the narrow difference between the projected exports of the two nations means that Australia overtaking Qatar is not a certainty. Indeed, that margin is likely to be particularly narrow in 2019. The tussle for the title of the world’s largest LNG exporter is further complicated by a lack of clarity around the precise level of Qatar’s LNG exports. IEA data (used in this report) puts Qatar’s exports at 75-76 million tonnes per annum over the past two years, while data from the International Group of Liquefied Natural Gas Importers (GIIGNL) hasexports at 77-78 million tonnes during this time, and shipping data suggests Qatar exported 79-80 million tonnes of LNG over the same period. During the mid-2020s, Australia is expected to be surpassed as the world’s largest LNG exporter by both Qatar and the US, as new projects in both countries come online. industry.gov.au

Il Qatar, nel fare presente la possibilità di correre da solo per sviluppare il North Field, deve avere valutato il fabbisogno tecnologico necessario e i costi che spesso lievitano in corso d'opera. Deve altresì tenere in debita considerazione il fatto che per rimanere competitivo con Stati Uniti ed Australia, anche questi impegnati in diversi progetti orientati all'aumento della produzione, alla fine il gas deve trovare un acquirente. Il mercato è fiorente ma altrettanto agguerriti sono i competitors.
Indubbiamente per Eni la partnership è l'obiettivo da perseguire piuttosto che un semplice affiancamento di tipo tecnico. La contropartita da offrire deve essere comunque appropriata per gli interessi italiani.
Si tratta di un concetto che in queste settimane deve essere manifestato con chiarezza e decisione ad Al Kaabi da parte dei rappresentanti del governo italiano in Qatar.

martedì 15 ottobre 2019

Talking big


Another former senior administration official, who was with Erdoğan and Trump when Erdoğan visited the White House in 2017, said Trump called the Turkish leader's bluff then, too. "Trump basically said, 'Look, if you want it you own it, but don't come looking to me for help. You can take it, it's yours,'" the former official recalled of that 2017 conversation about Turkish intent to cross the border into Syria.Axios

La Russia, poi, è presente in Siria e ha buoni rapporti con Turchia e Iran; per questo è l’unica che può costringere la Turchia a riflettere – conclude Minniti -.agenpress

Telephone conversation with President of Turkey Recep Tayyip Erdogan 
At the initiative of the Turkish side, a telephone conversation took place between 
Vladimir Putin and President of the Republic of Turkey Recep Tayyip Erdogan. 
October 15, 2019 23:00 The leaders of the two countries continued to discuss the situation in the Syrian Arab Republic, including in the north of this country. In particular, the need to prevent conflicts between units of the Turkish army and the armed forces of the Syrian government was noted. The President of Russia drew attention to the aggravation of the humanitarian situation in areas along the Syrian-Turkish border. The head of the Russian state also considers it unacceptable that members of terrorist organizations, including ISIS, which are now protected by Kurdish armed groups, take advantage of the current situation. Already, terrorists are attempting to break free and infiltrate neighboring countries. The presidents of Russia and Turkey spoke in favor of continuing the process of political settlement in Syria and expressed their intention to facilitate the convening of the Constitutional Committee under the auspices of the UN at the end of October in Geneva. Both leaders reaffirmed their commitment to ultimately ensure the territorial integrity of the Syrian Arab Republic. Vladimir Putin invited Recep Tayyip Erdogan to pay a working visit to Russia in the coming days. Invitation accepted.

Sul sito del Cremlino non è stata ancora inserita la traduzione in inglese del comunicato.
I giornalisti comunque confermano la versione del traduttore automatico che rende solitamente in maniera abbastanza fedele il russo.
Il colloquio è una conferma che la visita nel Golfo ha dato i risultati attesi.

La Russia distribuisce le carte.
Se tutto procede secondo i piani, può assumere il controllo delle questioni siriane e aumentare in modo significativo l'influenza in medio-oriente. I piani in Siria sono relativi e Putin lo sa.
Il presidente Erdogan gioca molto sui tempi, ma è sempre chiaro a proposito degli obiettivi.
Questo era il momento più opportuno per realizzare un obiettivo di cui non ha mai fatto mistero.
La poca familiarità di Trump con la geopolitica è ormai nota. Allo stesso modo sono conosciute le difficoltà che i suoi collaboratori hanno nel farsi ascoltare. Le divisioni all'interno dell'amministrazione non sono nate con Trump.
Mancano gli analisti.

بوتين في أبو ظبي

Quando Sheikh Thanoon non alza gli occhi dal telefono nel corso di un incontro ufficiale vuol dire che tutto procede come previsto.

Miles away

@realDonaldTrump
After defeating 100% of the ISIS Caliphate, I largely moved our troops out of Syria. Let Syria and Assad protect the Kurds and fight Turkey for their own land. I said to my Generals, why should we be fighting for Syria.... 
 ....and Assad to protect the land of our enemy? Anyone who wants to assist Syria in protecting the Kurds is good with me, whether it is Russia, China, or Napoleon Bonaparte. I hope they all do great, we are 7,000 miles away! 9:10 PM - 14 Oct 2019

Il falco della Kamchatka ha reagito al tweet a modo suo.
Porta fortuna.


lunedì 14 ottobre 2019

بوتين في الرياض

Kadyrov_95
Today is a great day in the relationship between Russia and the Kingdom of Saudi Arabia. Russian President Vladimir Putin paid a state visit to Riyadh. I am grateful to Vladimir Vladimirovich for including me in the delegation for a visit to Saudi Arabia and the United Arab Emirates.
...The visit of Russian President Vladimir Putin to Saudi Arabia is distinguished by the warmth of the situation, mutual understanding and mutual trust. Our national leader was greeted in Saudi Arabia solemnly as the most dear guest.

Foto SPA

L'hanno piazzato in fondo al tavolo come si fa con i figli pestiferi quando li si deve portare per forza ad un incontro con amici o parenti.
In posizione strategica per tenerli nascosti e intervenire in tempo cacciandoli in caso di comportamenti imbarazzanti.


Salmon with asparagus 
Roasted chicken breast with saffron and tumeric 
Lamb tenderloin La Vague 
Chocolate mousse and squashed mango

Menu della serata courtesy of Maxim Suchkov.

Con o senza Chef

MARGARET BRENNAN: A deliberate withdrawal from the entire country? SEC. ESPER: From northern Syria. MARGARET BRENNAN: From northern Syria. SEC. ESPER: Right, which is where most of our forces are. MARGARET BRENNAN: So, the 1000 troops-- SEC. ESPER: That's correct. MARGARET BRENNAN: -- how long and over what time period will you be-- SEC. ESPER: Well-- MARGARET BRENNAN: --pulling back? SEC. ESPER: -- 
it'll be a deliberate withdrawal and we want to conduct it as- as safely and quickly as possible. So we want to make sure we deconflict a pullback of forces. We want to make sure we don't leave equipment behind. So I'm not prepared to put a timeline on it, but that's- that's our general game plan.

Putin rimane un genio.
Bisogna attendere una decisione ufficiale e anche verificare l'attendibilità delle notizie su un accordo tra i curdi e Assad.
Dopo il viaggio del presidente russo nel Golfo i contorni dovrebbero apparire più chiari.
Gli ultimi sviluppi non sembrano comunque casuali. Putin prepara sempre tutto con cura e con largo anticipo.
Non si riesce a trovare un comunicato ufficiale dell'Ambasciata russa in Congo.
Prigozhin non dovrebbe comunque essere tra le vittime dell'incidente che ha colpito l'An-72.
Esperti e commentatori tendono ad escludere una simile eventualità anche perchè è difficile che viaggi su un aereo del genere.

Yossi vs Yossi

יוסי אליטוב ‏ Verified account @yoelituv יוסי אליטוב Retweeted כאן חדשות לא צריך להיסחף. ראש המוסד יוסי כהן אינו מתראיין לעיתונים. אבל בהחלט מופיעים בכתבה, מונולוגים ושיחות סגורות מראשי זרועות המודיעין של ישראל השופכים אור על ההתמודדויות של ישראל, בכל הזירות הסוערות. מומלץ לקרוא.

Translated from Hebrew by Microsoft No need to drift away. The head of the Mossad Yossi Cohen does not interview the newspapers. But definitely in the story, monologues and closed calls from the heads of Israel's intelligence arms that shed light on Israel's challenges, in all the turbulent arenas. It is recommended to read. 3:08 PM - 11 Oct 2019

Un pò come le interviste di Scalfari con il Papa.
Comunque siano andate le cose, è la prima volta che la figura del direttore del Mossad appare così debole in pubblico.

C'è un giudice in Messico

Dubai, UAE: 8 October 2019: Ahead of its inaugural flight to Mexico City via Barcelona on 9 December, Emirates is offering travellers in the UAE a chance to book early and discover one of most fascinating and vibrant cities in the Americas.* Families and solo travellers can also take advantage and venture to a new destination this winter. Economy Class passengers can enjoy fares starting from AED 4,895 and Business Class passengers can enjoy fares starting from AED 19,995. The offer is valid for bookings made starting today until 8 December for travel between 9 December until 31st August 2020.* Mexico City is the airline’s fifth destination in Central and South America and a popular route for leisure and business travellers alike. The vibrant city is known for its culture, history and exquisite culinary scene. Its famous historic centre - Zocalo – is a designated UNESCO World Heritage Site and a must-see landmark. Mexico City is also an important trade and industrial city – focusing on automotive, medical supplies and pharmaceutical industries. The new daily service will be operated by a two-class Emirates Boeing 777-200LR. Emirates flight EK 255 will depart Dubai at 03:30 local time, arriving in Barcelona at 08:00 before departing again at 09:55 and arriving into Mexico City at 16:15 on the same day. The return flight EK256 will depart Mexico City at 19:40 local time, arriving in Barcelona the next day at 13:25. EK256 will depart once again from Barcelona at 15:10 bound for Dubai where it will arrive at 00:45 the following day.
Emirates

Che ha annullato tutto o quasi.
Abdullah bin Zayed aveva faticato parecchio per stringere un accordo con il governo messicano.
Si tratta di una rotta con grandi potenzialità per Emirates.
Difficile scovare gli azionisti di Aeromexico.
Delta, che risulta in possesso di una quota consistente, potrebbe avere avuto un ruolo importante per la sentenza in favore di Aeromexico. Un avvertimento soprattutto per le controversie di tenore simile su suolo americano.
Rimane da vedere se, come fatto trapelare da Emirates, per il momento i voli non verranno interrotti.
La battaglia si preannuncia interessante.

domenica 13 ottobre 2019

Let silence take you to the core of life

David Harding ‏ @DM_Harding
 #Qatar to use Doha Golf Club as a fan zone (with alcohol) for #Liverpool supporters and others during Club World Cup in December in trial run for #Qatar2022 World Cup #FIFA 
2:54 PM - 13 Oct 2019

“We are married without kids and found Doha to be extremely boring about 95% of the time, as there is a shocking lack of things to do in a city of this size,” said one on the website Tales from a Small Planet. It begs the question: can Qatar keep the fans entertained at the 2022 World Cup, where supporters of all 32 teams will descend on a single city, and will they come in the first place – particularly the buoyant Latin Americans who livened up the last two World Cups?Dubai in the UAE could offer a potential reprieve for 2022 World Cup fans seeking entertainment. However, those travelling between Doha and the UAE have to fly through a third country because of the boycott, compared to what was once a roughly a one-hour direct flight. reuters 


Gli emirati (Dubai e Abu Dhabi) riuscirebbero di sicuro ad organizzare un evento indimenticabile. Le sfide però iniziano quando scende il sipario.
A dispetto dei proclami su Expo2020, rimangono forti dubbi circa la solidità offerta agli investitori all'indomani della chiusura.
A giudicare dal profilo Twitter del giornalista della Reuters, il suo articolo sembra essere stato scritto in maniera spontanea. Homewood è il classico giornalista sportivo che, catapultato nel caldo del Golfo, si è fatto qualche domanda dopo aver girato un pò ed avere letto i giornali.

Tanti anni fa alcuni conoscenti americani si lamentavano della difficoltà di reperire carne di maiale a Muscat. La si poteva trovare solo in una sede di Al Fair a Qurum. Il comparto all'interno del supermercato era di pochi metri quadri e quasi nascosto.
Andare a comprare carne ci fa sentire come se fossimo ladri o gente in cerca di droga, raccontavano ridendo gli americani. In un buco vicino al magazzino.
Se si ha l'occasione di soggiornare nel Golfo per un periodo ragionevole di tempo, s'impara innanzitutto a confrontarsi con un altro mondo. E poi anche a stare soli con se stessi e a dare il giusto peso alla vita. Alle cose belle e a quelle brutte.
A trovare un senso. Al-Qada' wa'l-Qadar
Non necessariamente l'alternativa al mall sono i bar o le palestre.
Deserto, mare, parchi. Le aree fuori città.
Bisogna però andarci con lo spirito. O farselo venire.
Solitamente single e coppie senza figli sono quelli maggiormente in difficoltà.

L'impressione generale rispetto all'organizzazione degli eventi sportivi, è la stessa che si ricava dal bilancio della compagnia aerea e dalle mosse in atto per trovare una soluzione.
Pare non esserci una strategia complessiva o un piano coordinato che coinvolge i ministeri interessati (sport, turismo, commercio, estero). Al di là dell'acquisizione del diritto ad ospitare l'evento sportivo, ognuno si muove secondo parametri propri e in base all'esperienza o allo studio di eventi simili in altre nazioni. C'è sempre tempo per apportare miglioramenti e correzioni se si ha la consapevolezza del problema.

The interesting part

I was, you know, in a former stage of relation with these guys. They formally called themselves the YPG, who the turks would say equated them to the PKK. Who are dealing with terrorists, enemy of mine, how can you do that ally? So we literally played back them. You gotta change your brand. What do you want to call yourself besides the YPG? With about a day's notice they declared they were the Syrian Democratic Forces. I thought it was a stroke of brains to put democracy in there somewhere, but it gave them a little bit of credibility . And the interesting part , and I was lucky I had a great partner in Brett McGurk out there with me at the same time, because they were asking for things I couldn't give them. And literally that was the acknowledgement that they were the demographic dominant force in northern Sirya. General Raymond Thomas July 2017

It didn’t have to be this way. The U.S. worked endlessly to placate our Turkish allies. We engaged in countless rounds of negotiations, committing to establishing a security mechanism that included joint patrols in areas of concern to the Turks, and deploying 150 additional U.S. troops to help monitor and enforce the “safe zone.” Yet Ankara repeatedly reneged on its agreements with the U.S., deeming them inadequate and threatening to invade SDF-held areas, despite the presence of U.S. soldiers. joseph votel


Esercito e intelligence turca possiedono il migliore apparato informativo sul campo.
Se non hanno convinto le rassicurazioni fornite dagli americani, circa il fatto che la creazione di SDF è andata oltre l'operazione cosmetica, vuol dire che le preoccupazioni turche hanno un fondamento.
La costruzione di una fascia di sicurezza è un passo obbligato a tutela dell'interesse nazionale turco.

Only

Cohen said “Israel is not interested in conflict with Iran… Israel has but one interest: to prevent any option of Iran achieving military nuclear capability. We don’t want the regime to collapse, we don’t want revenge against nuclear scientists or to bomb bases in Tehran. In the end Israel wants to bring Iran to the table and then bring about a deal that locks away any option of military nuclear capability.” timesofisrael

Se il Mossad è stato colto di sorpresa dall'attacco di Abqaiq (logica spinge a pensarlo) il problema non è tanto Sardar Soleimani vivo o morto che sia.
L'intervista sulla versione cartacea, nemmeno tradotta in parte sul sito inglese, conferma l'impressione che il capo del Mossad non dorme sonni tranquilli.
E comunque una decisione definitiva sull'eliminazione del comandante delle Quds Force deve essere presa assieme agli alleati dopo attenta valutazione.
Senza bisogno di mandarlo a dire attraverso i giornali.

sabato 12 ottobre 2019

Afterwards

Quali sono le sfide che deve affrontare? L’intelligence ha il compito di individuare l’evoluzione dei fenomeni; informare il decisore politico attraverso un’analisi strategica puntuale, la quale in parte è disponibile e in parte è derivante da un’attività investigativa e informativa. Un modello che consente al Vertice politico di essere sempre informato e, quindi, di poter assumere le decisioni. Il collegamento con l’estero ha una valenza fondamentale. Sotto il profilo delle relazioni internazionali, sia il Dipartimento sia le Agenzie, interna ed esterna, hanno una capacità relazionale molto elevata che ci consente di partecipare a scenari geopolitici estremamente complessi, articolati e a elevato rischio. In questo aspetto non ci sottraiamo alle responsabilità, partecipando ad attività in teatri operativi estremamente delicati e in collaborazione con le nostre Forze armate: esiste una consolidata collaborazione tra Aeronautica, Marina, Esercito e Forze speciali e i nostri agenti sul territorio. Intervista a Gennaro Vecchione Formiche 

  “Churchill – disse il nuovo numero 2 del Dis – sosteneva che un uomo politico deve possedere soprattutto una qualità, essere cioè in grado ‘di prevedere ciò che sta per accadere domani, la settimana dopo, il mese successivo e l’anno seguente. E l’abilità di spiegare a posteriori perché non è accaduto nulla di tutto ciò’”. Stefano Vespa Formiche

He indicated that in Saudi Arabia you go to the mosque five times a day.
In the mosque you would see a fundamentalist who would stand alone, not to shake hands with those they felt to be a bad muslim. They would live together in their homes in Saudi Arabia where they would turn off the electricity and live as they did in the way of the prophet.
There were signs and indications. In this context the Ambassador quoted ...."I'm invisible because you chose not to see me". The Ambassador felt that in Saudi Arabia they chose not to see these radical fundamentalists. Infact they treated them much like the americans treat the Amish, we allow them to flourish and have no reason to believe that their way of life would do anyone harm.
....George Tenet used to come to visit the Ambassador and tell him that terrorists were planning something big and that the Saudis need to help. The Saudis were slow to help because he couldn't help explain where or when this attack would occur.
The Ambassador would refer to Churchill, citing his insistence that Britain should never try to make peace with Hitler. But his government and the general population didn't agree. He was rejected until the war was clearly at hand and they called Churchill back to the government.
Declassified Bandar bin Sultan 2003

Tuttavia, un contesto caratterizzato dal perseguimento di interessi nazionali spesso divergenti non è privo di conseguenze suscettibili di incidere sulla tenuta complessiva del Sistema Paese e conferisce un’importanza cruciale al sostegno che l’Intelligence è chiamata a fornire all’azione del Governo, nella forma di un contributo efficace affinché l’interesse nazionale venga riempito di contenuti concreti e circostanziati. I nostri interessi, infatti, non possono più essere cristallizzati in termini immutabili nel tempo. Fatto salvo un nucleo permanente che include, fra gli altri, la tutela degli assetti strategici e delle infrastrutture essenziali per il mantenimento delle funzioni vitali del Paese, l’interesse nazionale è destinato a declinarsi, nel tempo, in numerose sfaccettature, mutevoli ed articolate. Giuseppe Conte Giuramento neoassunti Dis

Lo scenario che caratterizzava l'Arabia Saudita nel periodo antecedente all'undici settembre era molto simile a quello rappresentato in Italia dalle comunità cinesi.
L'atmosfera di calma apparente che le circondava ad un certo punto fu squarciata dalla violenza di una serie di atti criminali che sconvolsero l'opinione pubblica.
Investigatori ed intelligence non avevano chiuso un occhio o sottovalutato il pericolo.
Avevano probabilmente evitato di intromettersi nelle dinamiche interne.
Ai governi dell'epoca interessava salvaguardare a tutti i costi il rapporto con il governo cinese e l'indotto commerciale creato dalle attività presenti in Italia e dagli scambi.

Il sottobosco degli emuli dei compagni del Profeta (pace e benedizioni su di lui) in Arabia Saudita non era sconosciuto alla sicurezza interna e veniva tenuto sotto stretto controllo.
Si scelse di non intervenire in maniera massiccia perchè ne sarebbero derivate conseguenze poco piacevoli per il casato saudita. Vennero colpite in modo selettivo le guide spirituali che raccoglievano ampi consensi. Dopo un periodo di carcerazione queste venivano rimesse in libertà con la garanzia che avrebbero mantenuto il controllo sulle comunità di riferimento.
Oggi alcuni tra essi sono stati di nuovo arrestati. Questa volta però si parla di pena di morte. La disputa del Golfo ha reso la questione più complessa.
George Tenet conosceva benissimo questi meccanismi ma non riusciva a comprendere che la stabilità del governo saudita, di fondamentale importanza per l'amministrazione americana per portare avanti la lotta al terrorismo assieme ad altri capitoli d'interesse comune, dipendeva anche da quel nutrito sottobosco di salafiti che era parte del sistema saudita.
Sul fronte opposto Bandar bin Sultan, e gli altri responsabili della sicurezza interna, non erano riusciti a prevedere che l'ondata radicale avrebbe potuto estendersi, come poi accadde, al di là del medio-oriente. Gli incontri di Doha non sono una novità. Turki al Faisal ed altri funzionari dell'intelligence saudita si erano spinti in Afghanistan e Pakistan perchè lì c'era il cuore del problema che andava a toccare gli interessi sauditi.
Avevano forse sottovalutato la portata del sentimento antiamericano di cui si nutriva il salafismo e che montava sul proprio suolo. Pensavano servisse a fornire un bilanciamento a sostegno della propria sopravvivenza.

L'interesse nazionale può variare nel tempo.
L'indice del cambiamento è individuato dai fattori che lo determinano.
Questi sono legati sia alla situazione politica interna che al contesto internazionale.
L'individuazione del punto di svolta è di fondamentale importanza poichè aiuta ad elaborare strategie in grado di materializzare scenari che siano il più vicino possibile a quanto stabilito dalle previsioni.
Il ruolo dell'intelligence può risultare cruciale non solo nel fornire analisi accurate per fare valutazioni corrette e prendere le giuste decisioni. Ma anche per cercare di avvicinare le esigenze dell'interesse del proprio Paese a quello dei governi di riferimento.

venerdì 11 ottobre 2019

Ombre d’azur

La notizia della scomparsa del pittore e scultore arriva a poche ore di distanza dalla morte dello storico gallerista di Pescara Cesare Manzo. artribune

Il professore Spalletti sembrava bizzarro solo a guardarlo.
Lo sguardo serio e profondo. Il timbro di voce molto basso.
Quella massa di capelli tinti a forma di nido di rondine.
Ma poi parlandoci era la persona più normale del mondo.
Quando lavoravo in farmacia m'è capitato spesso di servirlo.
Mi aspettavo un atteggiamento altezzoso da uno abituato a girare il mondo. Un grande artista.
Invece chiedeva spiegazioni e ascoltava con attenzione come un paziente qualsiasi.
E soprattutto si fidava. La gente di paese al sud guarda con diffidenza ai giovani laureati.
Anche la moglie, allora fidanzata e sua collaboratrice, era una persona molto alla mano.
Il padre fu una delle prime persone che conoscemmo al nostro arrivo dal chietino.
Molto rispettato perché era esattore delle tasse. Era un uomo molto duro.
In paese si raccontava che Ettore era un ragazzino talmente ribelle che il padre lo legava ad un albero e poi tirava fuori la cintura. Difficile a credersi visto quello che è diventato.
O magari è vera la storia che per diventare una persona di successo bisogna patire sofferenze o avere un brutto carattere.
Ettore stasera è morto come una persona normale. Che in fondo tale era.
A casa sua.

Meanwhile in Sabang

Oltre a un discutibile senso del macabro, l'Indonesia sembra avere poca dimestichezza con il diritto alla privacy.
Per non parlare dell'inquinamento delle prove sulla scena del crimine.